8th Smart City seminar “OpenStreetMap: stato dell’arte, tecnologie e sfide”

1016128_568832946500242_1129574873_n

Data: 27.06.2013

Orario: 11:00 – 12:00 AM

Luogo: Sala Stringa – FBK-CIT, Via Sommarive, 18 – Povo-Trento.

 

Speaker: Maurizio Napolitano

Affiliation: Fondazione Bruno Kessler

Bio: Maurizio Napolitano è un tecnologo presso la Fondazione Bruno Kessler. Il suo interesse è lo studio dei processi di creazione della conoscenza collettiva come Wikipedia,OpenStreetMap e la comunità open source, con particolare attenzione alle informazioni geografiche. E’ fortemente coinvolto con la comunità legata al tema della conoscenza aperta. Maurizio Napolitano è uno degli elementi più attivi del panorama open source Italiano, rappresenta la Open Knowledge Foundation in Italia ed è presidente della Italian Linux Society.

Abstract: Il progetto OpenStreetMap nasce nel 2004 su idea di Steve Coast. Lo scopo è quello di creare una mappa libera del mondo su base volontaria (crowdsourcing), Chiunque può partecipare al progetto inserendo, modificando e aggiornando la mappa. Attualmente il progetto ha raccolto oltre di un milione di contributori e molti sono i casi in cui OpenStreetMap risulta essere una risorsa migliore rispetto a progetti delle aziende più note.
L’intervento vuole offrire una panoramica completa di cosa il progetto OpenStreetMap e’ in grado di offrire, pertanto:
– i metodi attraverso cui i dati vengono generati e catalogati;
– gli strumenti attraverso cui e’ possibile recuperare informazioni riguardo gli utenti;
– le tecnologie sviluppate intorno al progetto.
Ciascuno dei punti presentati mostrerà le sfide per la ricerca sociale e tecnologica e i casi di successo.

Contatto: Matteo Gerosa (gerosa@fbk.eu)

Smart City Seminar Series: questa serie di seminari è organizzata nel contesto del progetto Smart Campus e si propone di offrire un appuntamento regolare per discutere trend, sfide e risultati nel campo Smart City. Smart Campus è un progetto congiunto di Trento Rise, Università degli studi di Trento e Fondazione Bruno Kessler.